Il consenso nel contratto

Il consenso nel contratto

QUESITO: si può chiedere il consenso per lo svolgimento di un rapporto contrattuale?

NO!

  • l'esecuzione di misure contrattuali e l'adempimento di obblighi di legge sono già un fondamento giuridico valido per l'attività di trattamento di dati personali;

  • tali basi giuridiche sono individuate, rispettivamente, negli artt. 6.1 lett. b) e 6.1 lett. c) GDPR;

  • tutti i trattamenti svolti per le finalità collegate alla fase preliminare, esecutiva e per la successiva attività di tipo contabile e fiscale hanno dunque già una base giuridica;

  • l'art. 7.4 GDPR, inoltre, precisa che "Nel valutare se il consenso sia stato liberamente prestato, si tiene nella massima considerazione l'eventualità, tra le altre, che l'esecuzione di un contratto, compresa la prestazione di un servizio, sia condizionata alla prestazione del consenso al trattamento di dati personali non necessario all'esecuzione di tale contratto."

Per quali finalità si deve invece richiedere il consenso nel momento in cui si raccolgono dei dati per un rapporto contrattuale?

  • nel caso in cui si vogliano utilizzare i dati del Cliente per svolgere attività di marketing;

  • nel caso in cui si vogliano trasferire i dati del Cliente a società terze per la presentazione di offerte/servizi.

Torna a "Quando chiedere il consenso?"